Madagascar in 50 years after

A short interview of two Raiamandreny about Madagascar in 50 years after the independence. Enjoy their opinions.

First of all, I don’t want to be pictured. Myname is Paul, and I was 13 Y.O when we got our independence in 1960. It was the happiest time for whole Malagasy; we danced a happy dance in that time. Personally, I was also very happy to hear that we got our own freedom after being under pressure by French people, because assuredly I say, it was really hard to be colonized by another country. We may lose all of what we have as a wealth even our own unique culture which is found nowhere else in this planet.

Yeah, I’m agreed, that it’s nice to be free but it isn’t easy also to be an independent country. Right? But even so, I truly didn’t expect what will happen in Madagascar after this great victory. If we turn back into our history since for we got our independence, according to me, the first republic was the most bearable period for us. Just have a look into the actual the money value, and compare it when we got our first own money. It was still quite alright. See? But that not means that we’re satisfied of what happen. And that is the reason why we fight again for a new change in 1972 but alas it was not the case. The situation is getting worse because we start to import rice which is our basic food; life is getting tougher and, indeed, let’s says that it was a corruption revolution. That’s ashamedness.

Nowadays Madagascar is almost 50 years of independence. It is embarrassing to say that during this very long period, we’re wasting onto something which surely won’t bring anything in our country. Just imagine what happen in Tananarivo now, they are always striking almost every day at MAGRO. What I mean is Madagascar is always running into the bad way of development, you see “the poor is getting poorer and the rich is getting richer”. In my opinion, that’s what happens here in Madagascar in 50 years of the independence. Very sad story and that may be because of the policy unstable.

The only one way to get out from this problem is the education and the employment creation. But how? I don’t know, I really don’t know but I think as I said lately, we should give a good education for our children and also to give job to those who has already finished their studies: “Right man in the right place” but how? I don’t know. Shall this country overcome some day??????



My name is Ranalina or you can simply call me Maman’i Claudette which is known by my neighborhoods. Sorry, I don’t remember how old was I when we celebrated our independence for the first time. The only one thing that I still remember is, I was learning to make a “sipasipa”. In term of the independence, the “Vahoaka” were very happy because we can finally get out from the yoke of the French. Imagine I’m from Vatomandry, we came here for the first time to escape the hard task that the “Vazaha” imposed to us. I couldn’t no more live with so why not looking for more comfortable place to get a better life.

When we got our freedom from French in 1960, we had our first republic which is headed by Tsiranana. But I think many of you are wondering to know why the Malagasy struck again in 1972? Just because we didn’t got what we were waiting for. We still depended too much to the colonizer. According to what I saw, we were feeling much comfortable in the second republic but there was too much corruption and that is the main reason why our country running nonstop into the hell of the poverty. I think, was when we started our strange politics. Then that always repeated every few years. I think our politicians are the main cause of our poverty. They play Madagascar and the poor citizens like me are the first victim of their act. They are always looking for the better place where they can get much more money for themselves but not for Madagascar. In my memory, in the first and the second republic, we still lived in normal life, like for example the peace was still ok and we still had the same right. I mean we are always in trouble in the third republic and that because of the us. To sum it up, the development in Madagascar is on the way back in 50 years of independence. Why Madagascar? We are told that this country is rich but why the people who live in are poor? That’s for sure because of us. In my opinion, the only one key to get this country in a good health is the education. That’s all. Because it seems that jangle life still exists in this country. Also we should forgive, respect and tolerate to one another for the best future of our beautiful country. I think when our country is going to practice a good way of education, I’m sure that it won’t be problem to get a better personal life or in other words to attempt or aim. Please forgive me if I’m wrong but that what I think of what happen in this country in 50 years of the independence

Advertisements

Una escursione con gl’Italiani

Quaranta tre ore davanti il Capodanno 2010: una grande ed’anche bella crociera era accostata al porto di Tamatave. Tutt’i guanti erano allegri perché dal’inizio della crisi politica in gennaio fino qui, queta era la prima crociera le guidechi ha di coraggio a fare un giro fino Tamatave. Per noi, delle guide, noi eravamo seriamente triste, ma non è la fine del modo. E la vita. Speriamo che sara davvero l’inizio e la fine di problema politico. Noi abbiamo fatto molto a questa cosa ma non ha mai portato qualcosa dabello al nostro paese. Il nostro paese è rico ma perché siamo poveri? Certo ch’a causa di noi. Andiamo pensare all’altra cosa è questo che possiamo vivere in pace.

le guideIo ho avuto una fortuna d’essere una guida d’otto Italiani chi non parlano un’altra lingua che d’Italiana. Portroppo che non parlo ancora perfetamente i loro lingua. Io sto imparando questa lingua ma penso che avevamo passato una bella giornata insieme. Una quarantina di guida hanno fatto un appuntamento alle cinque e un quarto della matina davanti l’ingresso pricipale del porto ieri trenta Dicembre 2009 senza ancora avere preso il colazione. Subito ero già in guaio perché tutt’i miei amici hanno trovato i loro bus ma non io. Io ho cercato il mio ma non riuscirevo a trovarlo fino alle sei quaranta cinque. Che peccato! Io ho comiciato da perturbare ed anche triste. Io ho deciso d’andare diretamente al molo per accogliere i miei clienti con Fabiola. La crociera apena arriva ed io stavo admirando questa meravigliosa Costa Romantica, la nostra nuova arrivata per quest’anno, ecco finalimente il bus numero vent’uno arriva al molo. E il mio bus. Dunque la festa comincia. Diciamo bevenuti a Madagascar allora il più precisamente a Tamatave (la capitale di Betsimisaraka o altrimenti detto la capitale economica di Madagascar).

Dopo avere accolto i miei clienti, noi siamo andati diretamente al parco d’Ivoloina per loro mostrare e espieghare delle plante medicinale, delle diffelrente specie di limuri,…. E sopratutto non abbiamo dimenticato a visitare il centro educativo al’embiente per i bambini. Loro sono tropo interessati come i gente vivono qui: Loro hanno dei accessi all’aqua potabile/  alla luce ? et cetera. Al nostro ritorno dal parco, abbiamo stato circa due minuti al centro del villagio d’Ivoloina per prendere di foto ed anche dare qualcosa ai paesani sopratutto ai bambini. Che gentilezza. Ma che sfortunato per questo ragazzo, io sono sicurissimo che non hai preso niente. Quando eravamo ancora sulla piazza, non lo visto di tutto. Io ho justo preso la foto senza guardare in fuori.  Ma quando io sono arivato a casa e guardare delle foto che io ho preso, che sorpresa di vedere questo ragazzo stavi curando col suo ginocchio fiorito per affergare i doni. questo è mi fa male al cuore. Mi dispiace tanti ragazzo. Io non ho fatto finta di non guardarti ma io ho troppo occupato da controlare gli altri. Mi scusi!!

Addesso parliamo un’altra cosa chi fa ridere: “ Loro amano molto d’ascoltare la traduzione di: Fuori e la bibita” in Malgascio perché da noi i Malgasci queste due parole sono dei sessi. Fuori è il sesso delle ragazze e la bibita o bibity per dei ragazzi. Ma per gl’Italiani loro sono delle tutt’altre cose. Per esempio «andiamo in fuori : vuole dire ‘let’s go outside’ » e « la bibita vuole dire: ‘rather soft drink’ »”. Allora cosa pensi ?

Per finire il nostro giro, siamo andati da visitare il Bazary be (in Italiano vuole dire il grande mercato ) per comparare dei ricordi. Vogliono qualcosa d’originale. Allora ho sceglilto un negozio si chiama “Maki” perché tutti gli articoli lidentro sono originali Malgascio. Loro hanno comparato molto cose ed erano sodosfati. Bravo! Siamo tutti contenti d’essere finalimente dei buon amici. Spero che i nostri amicizi durerà luongo tempo e perché no d’incotrarci alla prossima volta. Chi sa ? Non dimenticarevamo anche di prendere una foto insieme per ricordare la nostra magnifica giornata. Ciao ciao a tutti, speciale cucù per la piccolina. Siete tutti insieduti nel mio cuore. Buona fortuna. Vi dico bene che io ero molto contento d’essere la vostra guida. Spero che il prossimo giro di Costa Romantica non va essere annulato a causa dei politici perché stiamo aspetando il suo ritorno al tredici gennaio 2010. Che Dio benedica Madagascar. Vive la pace!!!

In occasione di questo nuovo anno, io vorrei augurare tutte le mie compatriote (interno o esterno) senza distinzione, i miei amici, e sopratutto le mie familie chi sono sempre con me tutti i giorni “UN FELICE NUOVO ANNO”. Che quest’anno porta della felicità, fortuna, pace, salute sopratutto del successo ed il amore a noi tutti. Spciale messagio per noi tutti i Foko Blog Club: “Abbiamo fatto dei buon lavori per noi ed’anche per il nostro paese, ma abbiamo ancora molto da fare. Sapete che l’appetito vien mangiando. In ogni modo come questa spressione dice: ‘Sbaliando s’impara’. Allora, buona continuazione a tutti.” Come il nostro slogan dice: [It takes a village to raise an idea].